Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza di fruizione

Cliccando su qualsiasi link in questa pagina fornisci il tuo consenso all'uso dei cookie

Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Spanish
Questioni di genere nello STEM: quali iniziative, quali prospettive

Questioni di genere nello STEM: quali iniziative, quali prospettive

Lo scorso 10 Dicembre ha avuto luogo presso la Scuola Trasmissioni ed Informatica (SCuTI) l’evento conclusivo del calendario AFCEA Capitolo di Roma 2018, dal titolo “Questioni di genere nello STEM: quali iniziative, quali prospettive”, in cui AFCEA Capitolo di Roma ha ospitato una tematica di interesse sempre più  crescente , anche nelle istituzioni e aziende che operano nei settori di riferimento dell’Aerospazio e della Difesa.

Le donne sono una risorsa sempre più importante per lo sviluppo e il cambiamento economico e sociale del nostro Paese, dove il tasso di occupazione femminile è al 50 per cento circa, e una crescita al 60% comporterebbe un aumento del PIL fino al 7 per cento. Inoltre recenti dati diffusi da OCSE confermano che i veri ostacoli per le studentesse nello studio e applicazione delle materie scientifiche sono gli stereotipi. In questo contesto AFCEA Capitolo di Roma ha sentito l’esigenza, come molte altre associazioni internazionali, di dotarsi di una struttura dedicata, ”Women in AFCEA”,  per farsi promotrice di iniziative che aiutino a far crescere e valorizzare il ruolo delle donne nelle istituzioni, enti di ricerca, industria e centri di tecnologia applicata, soprattutto nell’ambito delle scienze e tecnologie (STEM).

A tale scopo AFCEA Capitolo di Roma ha organizzato il suo ultimo evento 2018 coinvolgendo rappresentanti delle istituzioni, delle aziende e di altre associazioni affini, con l’obiettivo di fare il punto sulle iniziative principali che si stanno mettendo a punto nelle diverse organizzazioni. Durante l’evento sono stati analizzati gli obiettivi che si intendono raggiungere per far crescere la presenza femminile nel mondo STEM e sostenere questo cambiamento. E’ stata anche l’occasione per presentare la succitata struttura “Women in AFCEA”

Il Generale B. L. Carpineto, Comandante del Comando Trasmissioni dell’E.I., ha rivolto un caloroso benvenuto ai partecipanti sottolineando la presenza crescente delle donne nelle Forze Armate.  Il Generale A. Tangorra, Presidente AFCEA Capitolo di Roma, nel suo indirizzo di benvenuto ha sottolineato come AFCEA sia sempre più attenta a queste tematiche, rimarcando il ruolo fondamentale della formazione per far emergere talenti anche al femminile.

(Saluti Iniziali Gen. A. Tangorra - Presidente AFCEA Capitolo di Roma - VIDEO)
(Gen. B. L. Carpineto - Comando Trasmissioni E.I. - VIDEO)

L’evento è stato aperto dall’intervento della Dott.ssa Fiorella Lamberti, Leonardo SpA, coordinatrice del gruppo Women In AFCEA Capitolo di Roma con l’intervento “Women in AFCEA Rome Chapter” che  ha illustrato i principali obiettivi , le attività di coordinamento con Women in AFCEA International  e poi presentato i primi risultati ottenuti dal gruppo nell’ambito del supporto alle scuole primarie e secondarie per promuovere le discipline STEM. Tina Jordan, Vice President AFCEA International ha inviato un messaggio  video per salutare i partecipanti all’evento romano e dare alcune informazioni sull’organizzazione.

(Dott.ssa F. Lamberti - Women in AFCEA Rome Chapter - PRESENTAZIONE, VIDEO)

La Dott.ssa Monica Parrella – Presidenza del Consiglio di Ministri, Dipartimento Pari Opportunità, Coordinatrice dell’Ufficio per gli interventi in materia di parità e pari opportunità, ha inviato il suo intervento con un lungo messaggio video dove ha rimarcato l’attenzione verso il mondo scolastico in cui cresce l’attenzione delle ragazzine verso le materie STEM intorno agli undici anni per poi diminuire intorno ai quindici. Pertanto il suo ufficio sta mettendo in cantiere iniziative con il mondo accademico, i centri di ricerca e le aziende per invertire questa tendenza. In particolare a partire dal 2017 in tutte le regioni italiane hanno avuto luoghi dei campi estivi con laboratori per l’apprendimento delle discipline STEM.

A seguire, la Dott.ssa  Maria Elena Pontecorvo - ISTAT nel suo intervento “Occupazione femminile tra divari e nuove opportunità”  ha presentato alcune recenti statistiche riguardanti l’occupazione femminile in Italia. In particolare ha sottolineato come l’occupazione femminile in Italia si caratterizza per un livello ancora molto basso, specie se paragonato alla media europea: nel 2017 le donne occupate sono meno della metà (48,9%, contro 62,4% dell’Ue28). Inoltre, permangono profonde differenze nella partecipazione femminile al mercato del lavoro per territorio, livello di istruzione e ruolo in famiglia, ancora con forte svantaggio delle donne con carichi familiari rispetto a quelle senza figli.

(Dott.ssa M. E. Pontecorvo - Servizio sistema integrato lavoro, istruzione e formazione ISTAT - PRESENTAZIONE, VIDEO)

La presenza delle donne nelle Forze Armate: una conquista sugli stereotipi di genere” , con questo intervento il Ten. Col Rosa Vinciguerra - SMD I Reparto, Ufficio Restav, Capo sezione Pari Opportunità e Prospettive di Genere, ha trattato il tema dell’ingresso e della partecipazione femminile nei settori della Difesa e della Sicurezza, considerati di appannaggio esclusivamente maschile fino a meno di un ventennio fa. In particolare l’intervento ha sottolineato quali stereotipi sono stati superati e quanti sono ancora da smantellare rispetto alle ‘donne con  le stellette’,  i ruoli e gli incarichi, in Patria e nelle missioni internazionali, ricoperti dalle donne militari e la ‘prospettiva di genere’ come strumento   moltiplicatore di efficacia organizzativa  e operativa.

(Ten. Col. R. Vinciguerra - SMD I Reparto, Ufficio Restav, Capo sezione Pari Opportunità e prospettive di genere - PRESENTAZIONE)

La Dott.ssa Raffaella Luglini, Chief Stakeholder Officer Leonardo”, ha poi presentato la posizione dell’azienda nel suo intervento “ L’impegno di Leonardo per il cambiamento”, in cui ha illustrato le iniziative che l’azienda sta mettendo in campo iniziative mirate sia ad attrarre sempre più talenti STEM, sia per fare crescere la presenza femminile . Infatti  le tecnologie digitali stanno accelerando la trasformazione dei modelli organizzativi aziendali , portando alla definizione di nuovi profili professionali , rendendo sempre più necessario sviluppare pienamente il potenziale femminile. Pertanto occorre definire nuovi percorsi formativi e professionali, per assicurare al Sistema industriale ed economico il maggior potenziale di talenti e competenze disponibili, mettendo le donne al centro di questo cambiamento che influenzerà stili di vita, le relazioni con le persone e con l’ambiente.

(Dott.ssa R. Luglini - Chief Stakeholder Officer, Leonardo - PRESENTAZIONE, VIDEO)

Dopo la pausa, con l’intervento “Le professionalità ICT nella P.A” la Dott.ssa Maria Daniela Intravaia – Dirigente Coordinamento Attività Internazionali e Comunicazione, Responsabile Prevenzione Corruzione e Trasparenza -  AGID,  ha illustrato le funzioni e i compiti per perseguire il massimo livello di utilizzo delle tecnologie digitali nella Pubblica Amministrazione e nel rapporto tra questa e i cittadini. Le attività di AGID sono quindi finalizzate allo sviluppo delle competenze di base, specialistiche e di e-leadership, con particolare attenzione alle nuove professioni e alla necessità di lavorare con le scuole, affinché crescano profili professionali STEM.

(Dott.ssa M. D. Intravaia - Dirigente Coordinamento Attività Internazionali e Comunicazione, Responsabile Prevenzione Corruzione e Trasparenza, AGID - PRESENTAZIONE, VIDEO)

Successivamente, la Dott.ssa Sandra Mori, Valore D  ha presentato “  Il Valore della Diversità”, sottolineando come nel mondo di lavoro ci sia uno spreco di risorse al femminile, che sono laureate in discipline prevalentemente umanistiche, che sono quelli a minor tasso di "occupabilità”. Questa scelta dipende dal condizionamento culturale e da una serie di stereotipi di genere, ancora molto presenti a scuola e in famiglia. La dott.ssa Mori ha poi evidenziato come le donne siano un valore per le aziende infatti c'è un aumento di oltre il 15% degli utili in aziende dove c'è almeno il 15% di donne nel Senior Management. Inoltre le aziende con più donne hanno un tasso di innovazione, di internazionalizzazione e di digitalizzazione maggiore. Valore D ha predisposto una serie di interventi ad ampio spettro per aiutare le aziende far crescere e valorizzare la presenza femminile.

(Dott.ssa S. Mori - Presidente, Valore D - PRESENTAZIONE, VIDEO)

Con l’intervento “Il valore delle competenze” , la Dott.ssa Giuseppina de Cicco – Federmanager, ha illustrato il ruolo di Federmanager, in particolare di Minerva che all’interno di Federmanager si occipa di valorizzare la posizione delle donne in ruoli apicali.  Anche in Federmanager su 180.000 aderenti, le donne costituiscono solo il 10 %. Inoltre considerato che le  donne che studiano meglio e di più secondo le statistiche, è necessario che un investimento così importante fatto dal sistema paese sia restituito . Anche Federmanager ha dunque vari progetti , in particolare ogni anno organizza il Premio Minerva , che viene assegnato a donne che si sono distinte nel mondo dell’imprenditoria.

(Dott.ssa G. de Cicco - Coordinatrice Federmanager Minerva Roma - VIDEO)

La Prof.ssa Dajana Cassioli - Chair, IEEE Women in Engineering nel suo intervento “I change the world. I am an engineer. The WIE AG IEEE Italy Section”, ha introdotto innanzitutto l’associazione Internazionale IEEE – la più grande in ambito STEM-fornendo una panoramica della sua struttura in 39 Technical Societies, con oltre 400.000 membri in 190 paesi del mondo. In questo ambito opera la IEEE Women in Engineering Society da cui discende l’Affinity Group (AG) Women in Engineering (WIE) della Sezione IEEE per l'Italia nato a luglio 2017. La professoressa Cassioli ha i illustrato i principali obiettivi del gruppo, in particolare orientati alla creazione di relazioni collaborative per stabilire nuove relazioni, condividere idee e progetti , nonché stimolare cambiamenti attraverso l'educazione, la leadership, i modelli positivi e il tutoraggio, presentando anche alcune delle iniziative che hanno visto il coinvolgimento del gruppo italiano.

(Prof.ssa D. Cassioli - Chair, IEEE Women in Engineering - PRESENTAZIONE, VIDEO)

La Dott.ssa Anna Maria Nassisi, Women in Aerospace,  ha chiuso l’evento con la relazione “Women In Aerospace Europe a sostegno della presenza delle donne in STEM ed in posizioni apicali”, presentando l’associazione   fondata nel 1985 negli Stati Uniti con l’obiettivo di aumentare la leadership e visibilità delle donne nella comunità Aerospaziale  e in Europa nel 2009. WIA si dedica a uomini e donne che vogliono costruire insieme il loro percorso professionale nel settore spaziale, cambiare il futuro di questo settore nel rispetto della diversità a tutti i livelli, con un particolare focus su gender equity e inclusion.

(Dott.ssa A. Nassisi - Director of Communication, Women in Aerospace - PRESENTAZIONE, VIDEO)

WIA opera, sia a livello locale sia  centrale, con il  supporto economico di 25 corporate che aderendo all’associazione intraprendono azioni di sostegno al loro interno . WIA e WIA Europe con le altre sorelle WIA Canada, WIA Africa, WIA Japan, WIA Mexico, e tante altre in progress, è una piattaforma  di network a dimensione globale.

A conclusione della giornata, il Presidente Tangorra ha ringraziato le relatrici per i contributi e le iniziative in favore dello STEM, augurando a tutti i partecipanti buone feste ed invitandoli a seguire le prossime iniziative di AFCEA Capitolo di Roma nel nuovo anno.

(Saluti Finali Gen. A. Tangorra - Presidente AFCEA Capitolo di Roma - VIDEO)

Materiale dell-evento, link

Letto 77 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)