Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza di fruizione

Cliccando su qualsiasi link in questa pagina fornisci il tuo consenso all'uso dei cookie

Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Spanish
Mercoledì, 27 Gennaio 2021
Protection of critical infrastructures: the SCOUT (Multitech SeCurity system for intercOnnected space control groUnd staTions)

Protection of critical infrastructures: the SCOUT (Multitech SeCurity system for intercOnnected space control groUnd staTions)


Video

Articoli correlati (da tag)

  • Contrasto e prevenzione delle minacce ibride in ambito infrastrutture critiche digitali: strategie e risposte a confronto

    Definita dalla Nato come l’impiego di strumenti militari e non-militari e di mezzi segreti e non, quali la disinformazione, gli attacchi condotti nel cyberspazio, la pressione economica e l’uso di gruppi armati irregolari, la minaccia ibrida ha lo scopo di confondere popolazioni bersaglio per destabilizzarle e ottenere un vantaggio politico. Tra i suoi obiettivi troviamo le infrastrutture critiche che sono sostanzialmente sistemi o risorse la cui distruzione, interruzione o anche parziale o momentanea indisponibilità, può avere ’effetto di indebolire il funzionamento normale di uno Stato. in maniera significativa fino a comprometterne l’efficienza.

  • "AFCEAN of the Month" - novembre 2020

    DICEMBRE 2020

  • OPEN SOURCE: aspetti rilevanti nell’impiego in ambito istituzionale e aziendale

    Lo scorso 14 novembre, presso la Casa dell’Aviatore di Roma, AFCEA Capitolo di Roma ha organizzato il Convegno su “Open Source: aspetti rilevanti sull’impiego in ambito istituzionale e aziendale”, nel corso del quale sono state messe a fattor comune le esperienze, in ambito Open Source, di attori sia istituzionali sia industriali. Lo sviluppo di sistemi software open source, affianco ai sistemi proprietari, basati sul paradigma della gratuità del codice sorgente utilizzato per lo sviluppo di tali software, rappresenta un elemento di forte interesse: il Convegno si è posto l’obiettivo di valutare gli aspetti positivi di tale paradigma, quali ad esempio la riduzione dei costi per gli utenti, come pure le possibili criticità.