Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza di fruizione

Cliccando su qualsiasi link in questa pagina fornisci il tuo consenso all'uso dei cookie

Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Spanish
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Sfruttare il Potere dell'Intelligenza Artificiale per la Sicurezza delle Infrastrutture Critiche - AIIC (Associazione Italiana esperti in Infrastrutture critiche)

Sfruttare il Potere dell'Intelligenza Artificiale per la Sicurezza delle Infrastrutture Critiche - AIIC (Associazione Italiana esperti in Infrastrutture critiche)

GENNAIO 2024

In un mondo sempre piu interconnesso e digitale, la protezione delle infrastrutture critiche non e mai stata così cruciale. Salvaguardare asset essenziali come le reti elettriche, le reti di comunicazione e i sistemi di trasporto e fondamentale per la sicurezza nazionale e la pubblica incolumita. Con l'evoluzione del panorama delle minacce informatiche a un ritmo senza precedenti, organizzazioni come l'Agenzia per la Sicurezza delle Infrastrutture e la Cibersicurezza (CISA) e enti internazionali come la NATO si sono rivolti all'Intelligenza Artificiale (IA) per rafforzare le loro difese e rispondere efficacemente alle sfide emergenti.
1. Il Ruolo dell'IA per Proteggere le Infrastrutture Critiche
L'integrazione dell'IA nella protezione delle infrastrutture critiche rappresenta un passo significativo per migliorare le misure di sicurezza. Martin Stanley, il Capo del Dipartimento di Tecnologia Strategica presso la CISA, riconosce il ruolo cruciale dell'IA nel contrastare le minacce in evoluzione. Egli sottolinea che l'IA, in particolare l'IA Generativa, e una spada a doppio taglio. Mentre gli attori malintenzionati possono sfruttarne le capacita per incrementare le loro capacita di cyber attacco, l'IA consente ai difensori di rilevare e respingere piu velocemente ed efficacemente gli attacchi informatici e fisici. La CISA, in qualita di Coordinatrice Nazionale per la Resilienza e la Sicurezza delle Infrastrutture Critiche, e stata in prima linea nell'utilizzo dell'IA per analizzare le tendenze e condividere informazioni vitali con i difensori cibernetici della nazione. Il potenziale dell'IA di fornire valutazioni delle minacce più rapide ed accurate rappresenta una svolta nella sicurezza delle infrastrutture critiche.
2. Il Ruolo dell'IA nella Sicurezza Informatica per Proteggere le Infrastrutture Critiche
Uno dei problemi piu urgenti nella protezione delle infrastrutture critiche è stato il monitoraggio manuale dei sistemi di controllo degli accessi e dei sistemi video. La carenza di personale e l'incremento dei costi hanno reso sempre piu difficile mantenere un apparato di sicurezza robusto. Tuttavia, l'IA offre diverse soluzioni in questa situazione. Algoritmi avanzati di IA possono analizzare vaste quantita di dati, inclusi video, audio, testo e registri, per rilevare efficacemente le anomalie. Questa capacità e inestimabile per affrontare il problema delle false allerte generate dai sistemi di controllo degli accessi e dai sistemi video. Inoltre, l'IA puo automaticamente filtrare le allerte inutili, consentendo agli operatori di sicurezza di concentrarsi sulle minacce genuine e sulle attivita strategiche.
Infine, l'IA puo svolgere un ruolo fondamentale nel contrastare il problema del "tailgating"  o "piggybacking", in cui individui non autorizzati ottengono l'accesso a strutture sicure attraverso quegli individui che hanno un accesso legittimo. L'analisi video basata su IA puo monitorare le operazioni di autenticazione e rilevare eventuali tentativi di accesso non autorizzato, contribuendo a mantenere l'integrita delle misure di sicurezza fisica.
3. Dove l'IA Non è Sufficiente per Proteggere le Infrastrutture Critiche
Sebbene l'IA offra un immenso potenziale per migliorare la sicurezza delle infrastrutture critiche, è essenziale riconoscere i suoi limiti. I sistemi di IA dipendono pesantemente dai dati, e la loro efficacia dipende dalla qualita e dalla diversita dei dati che elaborano. Set di dati incompleti o tendenziosi possono portare a risultati inaccurati e a possibili punti ciechi nella sicurezza.
Inoltre, l'IA da sola non puo affrontare le cause alla radice delle vulnerabilita della sicurezza. Può automatizzare le attivita e individuare modelli, ma potrebbe non riuscire a comprendere gli aspetti sfumati del comportamento e delle intenzioni e interazioni umane. Pertanto, e fondamentale adottare un approccio olistico che combini le capacita dell'IA con l'esperienza umana nella salvaguardia delle infrastrutture critiche.
4. La Posizione di NIST e CISA
Per garantire l'uso responsabile ed efficace dell'IA nella sicurezza delle infrastrutture critiche, organismi di regolamentazione come l'Istituto Nazionale di Standard e Tecnologia (NIST) svolgono un ruolo vitale.
Il NIST ha recentemente pubblicato il quadro di gestione del rischio legato all'IA, sottolineando l'affidabilita dei sistemi di tali tecnologie. Questo quadro fornisce linee guida su come costruire e implementare sistemi di IA che rispecchino dei parametri affidabili e sicuri. Inoltre, il quadro sottolinea l'importanza dell'uso trasparente, legale e autorizzato dei dati per preservare la fiducia pubblica e favorire relazioni positive con gli stakeholder.
Nell'intervista con Martin Stanley, capo del Dipartimento di Tecnologia Strategica presso la CISA (Agenzia per la Sicurezza delle Infrastrutture e la Cibersicurezza), emerge il ruolo cruciale dell'IA nella protezione delle infrastrutture critiche. La CISA, in qualita di coordinatrice nazionale per la resilienza e la sicurezza delle infrastrutture critiche, affronta le minacce in continua evoluzione sia alla cibersicurezza che alle infrastrutture fisiche, sfruttando le capacita dell'IA e della tecnologia quantistica.
Mr. Stanley spiega che la CISA risponde a incidenti specifici segnalati e ha l'obiettivo di prestare assistenza, comprendere i rischi potenziali e sviluppare risposte efficaci agli attacchi informatici. L'IA rappresenta sia una minaccia emergente, con attori malintenzionati che possono sfruttarla per scopi nefasti, che un'opportunita, in quanto puo aiutare a rilevare e prevenire attacchi informatici e fisici.
Conclusioni
In conclusione, l'integrazione dell'IA nella sicurezza delle infrastrutture critiche rappresenta una promettente via di sviluppo per rafforzare le nostre difese in un'era di crescenti minacce informatiche. Organizzazioni come la CISA e la NATO riconoscono il potenziale trasformativo dell'IA nel rilevare modelli, automatizzare le risposte e ridurre i rischi. Tuttavia, e essenziale essere consapevoli dei limiti dell'IA e valutare piu accuratamente l’interazione che c’e tra l'IA e l'esperienza umana nella protezione delle nostre infrastrutture critiche. Adottando le linee guida stabilite da entita come il NIST e promuovendo la collaborazione tra esseri umani e macchine, secondo l’ente, si puo migliorare la postura di sicurezza della nostra nazione e garantire la resilienza dei nostri asset critici di fronte alle minacce in evoluzione.

Luisa Franchina

(Newletter AIIC n. 08 (2023))