Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza di fruizione

Cliccando su qualsiasi link in questa pagina fornisci il tuo consenso all'uso dei cookie

Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Spanish
Domenica, 11 Aprile 2021
Report: Gli Stati e le organizzazioni internazionali nelle politiche di contrasto della crisi pandemica

Report: Gli Stati e le organizzazioni internazionali nelle politiche di contrasto della crisi pandemica

MARZO 2021

"La pandemia di Covid-19, esplosa circa un anno fa, ha investito la quasi totalità degli Stati e territori al mondo, ma ha avuto e continua ad avere il suo epicentro – in termini di tassi di contagio, mortalità e letalità – in un numero limitato di Paesi. Indipendentemente dal grado di diffusione nei diversi continenti e Paesi, tuttavia, tutti i governi hanno sviluppato una risposta su larga scala attraverso molteplici misure sul piano nazionale e in raccordo con le amministrazioni territoriali, mobilitando anche il quadro multilaterale del coordinamento e delle organizzazioni internazionali.
A distanza di un anno dall’avvio di una crisi senza precedenti e che ha determinato una brusca rottura con la fase di globalizzazione e integrazione che aveva segnato gli ultimi decenni, e ancora nel pieno di una pandemia, è troppo presto per tracciare un bilancio, valutando i risultati di quel che si è fatto o si poteva fare e non si è fatto. I dati disponibili, del resto, sono molto importanti ma ancora preliminari, insufficienti per una comparazione internazionale rigorosa e richiedono una particolare cautela per un’utilizzazione che ne voglia trarre implicazioni e giudizi sulle scelte compiute e i costi sopportati.
Tenendo conto di tali caveat, questo approfondimento, utilizzando i dati oggi disponibili, intende offrire un primo quadro d’insieme di quel che è accaduto sin qui a livello internazionale, in termini anzitutto di intensità della pandemia nel mondo, evidenziando l’andamento della diffusione del contagio a diverse ondate e identificando i casi di Stati e territori non colpiti e di quelli, all’opposto, più investiti dalla pandemia in termini di contagio, mortalità e letalità."

Continua a leggere l'articolo

Fonte: CESPI